Il cloud computing è una tecnologia che offre grandi vantaggi. Tra questi, la possibilità di realizzare un backup online di singoli file (compresi foto e video), così come di interi database o di macchine virtuali.

La rivoluzione? Che la copia di sicurezza dei dati si archivia su un server remoto.

Ma come scegliere un provider sicuro e affidabile per i propri backup in cloud? Vediamo i principali elementi da tenere in considerazione sull’uso della cosiddetta “nuvola”.

Fare backup online: perché è così interessante?

come scegliere provider per cloud backup

In ottica di Disaster recovery, il backup online è la soluzione più sicura ed efficace per disporre sempre di una copia di sicurezza dei propri dati, che saranno sempre protetti da incidenti, disastri naturali o sabotaggi nei luoghi fisici in cui si trovano le informazioni originali.

I vantaggi del cloud backup, però, non si fermano qui: ricorrere alla “nuvola” permette di alleggerire l’infrastruttura IT spostando risorse hardware e software su un server remoto, a cui accedere via Internet ogni volta che se ne ha bisogno.

Il risultato è un considerevole risparmio di memoria interna e una maggior potenza di elaborazione del sistema perché liberiamo la CPU da processi complessi.

Come scegliere il provider giusto per fare backup su Cloud?

1. Piani scalabili

Il servizio di backup in cloud è offerto da un provider con una formula in abbonamento, il cui costo, in genere, è calcolato in base al consumo o allo spazio di archiviazione richiesto – si paga un canone mensile o annuale e si ha accesso a una serie di servizi attraverso un server remoto.

Che le funzionalità e lo spazio offerti dal provider di servizi in cloud siano scalabili è un primo elemento discriminante nella scelta del fornitore: le esigenze di un’azienda, soprattutto in termini di archiviazione di dati, possono aumentare nel tempo, per questo è sempre meglio scegliere un provider che metta a disposizione un servizio di backup online superiore, in caso di bisogno.

2. Connessioni protette

Per accedere alle memorie di massa, ai software e alle funzionalità hardware del servizio di cloud computing in remoto, in genere basta installare l’apposito software offerto dal provider e collegarsi alle risorse via Internet.

La connessione deve essere protetta grazie a protocolli di sicurezza implementati dal provider. Questo è un secondo elemento su cui riflettere quando si sceglie un provider di servizi in cloud.

Riepilogando, i vantaggi dei servizi Cloud sono:

  • una maggiore sicurezza rispetto ai dispositivi fisici perché il backup viene fatto online e archiviato su un server remoto;
  • la garanzia di copie costanti dei dati;
  • la possibilità di alleggerire la struttura IT e rendere più rapidi i processi informatici aziendali perché la CPU e il disco rigido sono liberati dai processi più complessi;
  • un considerevole risparmio economico grazie a una infrastruttura IT remota invece che fisica, per la quale si paga solo un canone mensile in base all’uso (puoi approfondire quest’ultimo punto leggendo il post sui vantaggi del Managed Service Provider).

Cosa offre il servizio Cloud di Iperius Backup?

Iperius Backup è un potente software che permette di realizzare un backup di dati online sulle più importanti destinazioni Cloud.

Tra i suoi punti forza:

  • Iperius Storage Online accessibile via FTP/FTPS o via S3;
  • file caricabili via FTP su NAS;
  • download e upload automatico su qualsiasi server FTP;
  • la possibilità di realizzare backup su server SFTP;
  • la disponibilità di scegliere tra backup completo, incrementale o differenziale;
  • il backup online sulle principali destinazioni Cloud (Dropbox, Google Drive, Microsoft Azure Storage, Onedrive, Office 365, IBM Cloud, Aruba Cloud);
  • la compatibilità con qualsiasi storage S3 Compatibile, quindi Iperius Backup permette di distribuire e sincronizzare file con diverse postazioni e realizzare il backup offsite su uno storage sicuro come Amazon S3, Backblaze, Wasabi, Minio etc;
  • la pianificazione di backup automatici;
  • la connessione sicura e la protezione dei dati, grazie all’implementazione di SSL e alla cifratura client-side AES 256 bit;
  • il servizio VSS (Virtual Shadow Copy Service);
  • è possibile fare il restore da Iperius in qualunque momento
  • con una sola licenza si possono inviare file e cartelle su qualsiasi storage remoto (con compressione, criptazione locale dei file con AES 256 bit, limitazione della banda di trasferimento e filtri personalizzati);
  • Iperius è compatibile con Windows XP e 2003, Server 2008, 2012, 2016 e 2019, Windows 7,8 e 10.

Ma entriamo nel dettaglio vedendo qualche applicazione pratica delle più utili funzioni Cloud di Iperius.

Fare il backup automatico su Dropbox con Iperius

Con Iperius è molto semplice realizzare un backup e salvarlo su Dropbox, la popolare piattaforma gratuita di condivisione di file e storage online.

Dalla finestra principale seleziona “Crea nuovo backup” e indica i file che vuoi salvare su Cloud:

come fare backup online con iperius

Se non l’hai già fatto, dovrai creare un account Dropbox per poterlo indicare come destinazione del backup. Anche questa procedura è facile e rapida da portare a termine. È disponibile un tutorial per creare un’app su Dropbox e ottenere il codice token di identificazione da inserire su Iperius.

app su dropbox

 

token dropbox

A questo punto devi solo andare sulla scheda “Destinazioni” e selezionare “Aggiungi destinazione su Cloud”, che corrisponde all’ultima casella:

iperius backup destinazioni

Accanto alla casella di ricerca denominata “Account Cloud” si trova un’icona con il simbolo “+”. Clicca su di essa per accedere alla scheda che ti permetterà di inserire i dettagli relativi all’app creata su Dropbox e inserire il tuo codice token di autenticazione:

aggiungi account per backup su Iperius

Le impostazioni successive ti permettono di impostare un sottopercorso (in sottocartelle) e il tipo di backup:

Aggiungi/modifica destinazione Cloud

Quando la nuova operazione di backup è creata e presente nella lista, basta cliccare col tasto destro e selezionare “Esegui backup” per mettere in marcia il processo di copia e archiviazione in Cloud dei dati sul nostro account Dropbox.

Altre funzionalità interessanti disponibili su Iperius Backup sono:

  • la pianificazione automatica dei backup (ad esempio in determinati giorni della settimana o del mese e a precisi orari)pianificazione backup online su cloud
  • la notifica via email alla fine del backup, al termine della copia del file o in caso di errori durante il processo di backupnotifiche email su Iperius backup
  • l’esecuzione di processi prima o dopo il backup o in casi specifici
  • le opzioni avanzate che permettono di creare file di log, includere file di sistema e file nascosti, usare un metodo di comparazione dei file CRC piuttosto che Hash, etc..

Storage S3: il servizio di Cloud backup gestito internamente da Iperius

Iperius Backup permette di archiviare dati su piattaforme di storage esterne, come Dropbox che abbiamo approfondito nel paragrafo precedente.

In alternativa, si possono usare le soluzioni di storage interno della suite: Iperius Storage FTP e Iperius Storage S3.

Vediamo come utilizzare il servizio professionale di backup in cloud di Iperius, che sfrutta il protocollo S3.

La prima cosa da fare è acquistare un piano di archiviazione su Iperius Storage S3 e scegliere lo spazio di archiviazione adatto alle proprie esigenze (da 50 GB a 3 TB). Il sistema fornirà Access Key e Secret Key.

Il processo è similare a quello visto in precedenza:

  1. si crea una nuova operazione di backup;
  2. si selezionano i file e le cartelle da copiare;
  3. e si configura come destinazione Iperius Storage S3. Proprio come nella configurazione di Dropbox, anche qui dobbiamo creare, se non l’abbiamo già fatto, l’account su Storage S3. Basta cliccare su “Aggiungi nuovo account Cloud” e inserire nella finestra di configurazione l’Access Key e la Secret Key fornite al momento dell’acquisto del piano Iperius Storage:

configurazione iperius storage

La configurazione continua con l’attribuzione di un nome unico per il bucket (che non deve essere già usato da altri utenti su Internet) e la scelta del tipo di backup (totale completo, incrementale o differenziale):

creazione account iperius storage S3

Altre opzioni utili che si possono impostare per il backup in cloud su Iperius Storage S3 sono:

  • la compressione zip,
  • la protezione del file zip con password,
  • la pianificazione del backup automatico in giorni e orari predefiniti
  • le notifiche email per essere avvisati alla conclusione dei processi o in presenza di errori.

Salvata la configurazione della destinazione cloud su Storage S3 di Iperius, il backup può iniziare. Automaticamente, Iperius eseguirà l’upload dei file e cartelle copiate sul nostro spazio storage Iperius.

Facile vero? E invece qual è la tua esperienza con il backup online su cloud?

Puoi raccontarmela e condividere qualche consiglio utile!

About the author : Valentina

Condividi sui Social